Home Magazine Siamo quelli che possono avere il maggiore impatto nel settore, afferma Jeff O’Neill, persona dell’anno – Wine Star Awards 2022 di Wine Enthusiast

Siamo quelli che possono avere il maggiore impatto nel settore, afferma Jeff O’Neill, persona dell’anno – Wine Star Awards 2022 di Wine Enthusiast

by Antonio Ricchezza
CEO e fondatore, O'Neill Vintners & Distillers

Dopo aver trasformato la Golden State Vintners nella quarta azienda vinicola più grande del paese, rendendola pubblica e poi vendendola, Jeff O'Neill, nativo della contea di Marin, ha fondato la O'Neill Vintners & Distillers nel 2004. È cresciuta costantemente fino a diventare la decima azienda vinicola più grande d'America, con 13 marchi distribuiti a livello nazionale e due dozzine di vini a marchio del distributore, tutti per un totale di oltre sette milioni di casse prodotte ogni anno.

"Sostanzialmente abbiamo portato le tecniche di vinificazione costiera nella Central Valley", afferma O'Neill dei vini di valore che produce principalmente a Parlier, in California. "Stiamo cercando di accontentare molti consumatori piuttosto che pochi consumatori di lusso superiore".

Promettendo una filosofia di "nessun dramma", è orgoglioso di trattare le persone nel modo giusto. In un settore ancora dominato da uomini bianchi, quasi la metà dei 350 dipendenti di O'Neill sono donne, 40 delle quali in ruoli dirigenziali. Insieme all'ex star della NFL (e viticoltore di Intercept) Charles Woodson, O'Neill ha avviato borse di studio quadriennali per studenti BIPOC a Cal Poly-San Luis Obispo e Sonoma State. E quest'anno, O'Neill Vintners è diventata una B Corporation certificata, mettendo trasparenza, beneficenza ed equità al di sopra della linea di fondo.

Le iniziative di sostenibilità di O'Neill possono cambiare l'intero settore. Ha installato abbastanza pannelli solari per alimentare le operazioni di imbottigliamento, bottiglione e stoccaggio dell'azienda e ha creato il più grande sistema di trattamento delle acque reflue a vite senza fine del paese nel settore vinicolo. Sta testando gli effetti dell'agricoltura rigenerativa su larga scala presso la Robert Hall Winery di Paso Robles, che ha acquistato sei anni fa, e ha appena lanciato l'etichettatura degli ingredienti sul suo Harken Chardonnay. Entro il 2024, il 100% delle uve acquistate da oltre 200 agricoltori su 15.000 acri di vigneto sarà certificato come sostenibile.

Sta già affrontando la prossima sfida: "I coltivatori possono coltivare uva in modo sostenibile ed essere a emissioni zero?" chiede O'Neill. “Non so se questo sia il Santo Graal, ma sarà un elemento importante in futuro. L'industria può passare al livello successivo, ma qualcuno deve dimostrare che è possibile".

Il vino scorre nel sangue di O'Neill - suo nonno armeno ha trasformato l'uva da tavola della Central Valley in vino da dessert - ma la necessità di aiutare gli altri potrebbe essere un tratto familiare più profondo. "Era un ragazzo intelligente e amava aiutare i coltivatori ad avere successo", dice O'Neill del suo defunto nonno. “Oggi stiamo facendo la stessa cosa. Avanti veloce di 50 anni e si tratta davvero di creare comunità intorno al nostro settore. Si tratta di condividere le scoperte tecnologiche. Se riusciamo a svegliarci tra 10 anni e vedere che abbiamo fatto la nostra parte per creare un ambiente carbon neutral, allora penso che abbiamo realizzato un bel po'".

Spera che le altre grandi aziende stiano guardando. "Ci sono circa otto aziende vinicole che producono l'80% del vino in California: dobbiamo assicurarci che tutte quelle persone ci stiano pensando", dice. "Siamo quelli che possono avere il maggiore impatto nel settore".

You may also like

Leave a Comment